Saturday, October 31, 2009

Linda Byron Report from Perugia


Posted on October 30, 2009 at 10:18 PM

Updated yesterday at 11:07 PM

PERUGIA, Italy - The Amanda Knox trial is being closely watched from the largest cities to the smallest villages in Italy.

The tiny Umbrian village of San Martino dei Colli looks down upon the Capanne prison where Knox is locked away on murder charges. On a Sunday afternoon, the Bartolocci family is gathered in the 15th century villa for a family feast.

continued here

Saturday, October 17, 2009

Full Video of Larry King Live Discussing Case Against Amanda Knox

Semen Stains Found on Meredith's Pillowcase

Story from Oggi Magazine by Giangavino Sulas:  

Story from Corriere Dell Umbria: 10/17/09

Two articles in Italy recently reported that a defense expert found semen on Meredith Kercher's pillowcase.  The expert is suspected to be coroner Fransesco Vinci, an expert who testified on behalf of Raffaele Sollecito.  If true, how could police investigators have missed this?  And whose semen is it?  Will the American media take notice?

Translations for both articles should be available here later this week.


Curt Knox, Edda Mellas, Judy Bachrach (Vanity Fair), John Q. Kelly (Former Prosecutor) go on Larry King to talk about the case against Amanda Knox.

KING: Welcome back. It's being called the "trial of the century" in Italy; 22-year-old American exchange student Amanda Knox and her Italian ex-boyfriend are accused of the murder and sexual assault of Amanda's British housemate, Meredith Kercher. Kercher was found semi-naked, her throat slit, in the house she and Amanda shared with two others in November of 2007.

A third person -- a man from the Ivory Coast -- was convicted of the brutal killing in a separate proceeding last year. He was sentenced to 30 years in prison. His appeal is slated for next month. Amanda's trial got underway in January. Testimony and evidence presentation has now been complete. Closing arguments begin November 20. The jury will deliberate on December 4th.

EDDA MELLAS, MOTHER OF AMANDA KNOX: You know, she's hanging in there. It's been a long time, she's -- you know -- innocent and has sitting in -- sitting it in jail, so it's scary, but she's doing the best she can.

KING: How are you doing?

CURT KNOX, FATHER OF AMANDA KNOX: We're hanging in there, we're -- we're being strong for her. I mean --

KING: Do you go over and see her?

KNOX: Oh, absolutely. I think both Edda and I have made at least 12 trips over there, back and forth over the last couple of years.

KING: Few days ago, the court rejected her request for an independent review of contested evidence. What are your lawyers tell you about how serious that is?

EDDA MELLAS: Well, I mean it could be good or it could be bad. I mean we asked for the independent review because we were sure that anybody independently looked at it, would support our position. Maybe the court decided that they don't even need that support, that our arguments have already been good enough.

KING: What do you make of the whole thing Curt? What's -- what's your view of this? I mean you were not there.

KNOX: I believe that there was a huge mistake made very, very, early on by you know having a -- literally a case closed, you know, presentation by the police over there. And then when they really found out that -- that Rudy Gooday (ph) was the one that actually did it --

KING: The man convicted.

KNOX: The man convicted -- that they were just too far into it and they've been trying to press it ever since.

KING: Now was your daughter and her boyfriend present at --

KNOX: Not at all, they -- they stayed at her boyfriend's house the night that the murder took place.

KING: Why were they arrested?

KNOX: You know, in the time between when Meredith was found and the time of their arrest, there was total of ninety hours in that window. During that time, they were questioned and interrogated for over 41 hours. The last of that was a 14 hour all night interrogation, where there was psychological abuse, physical abuse, where she was hit. And at that stage of the game, I think, you know, they made conclusions.

KING: Were they tried together? Her and --

MELLAS: Yes, they are being tried together.

KING: Amanda testified in June sometimes in English, sometimes in Italian. Here's a little of what she said about her interrogation by police several days after Meredith Kercher's murder, watch.


AMANDA KNOX, ON TRIAL FOR MURDER: They called me a stupid liar. And they said that I was trying to protect someone. So I was there and they told me I was trying to protect someone. But I wasn't trying to protect anyone. And so I didn't know how to respond to them.

(END VIDEO CLIP) KING: And at the immediate aftermath of the murder, your family in Germany -- you have family in Germany?

MELLAS: Yes --

KING: -- suggested that Amanda come and stay with them. You said she made a big mistake in not leaving Italy.

MELLAS: Yes. Actually many people asked her. We all asked her.

KING: She should have split.

MELLAS: Absolutely, she had many opportunities the police have that on record but didn't release that until almost a year after the crime. And but they did have on record that many people asked her to leave but she said no. "I'm going to stay. I'm going to try and help. I'm going to try and finish school" And one of the reasons that they said they were holding her and not releasing her because she was a flight risk. But she never planned to flee.

KING: What was her motive, Curt? What does the state say was her motive in killing this person?

KNOX: Well, the state said that it was a drug infused sex orgy --

KING: Between her, her boyfriend, and this woman?

KNOX: Yes.

KING: And the other guy. Four people were there --


KNOX: Yes, and that -- they didn't even know this other guy.


KING: The state's contentions were four people were present and one died. One has been convicted? Does your daughter know this person that's been convicted?

MELLAS: You know she had vaguely met him. You know when she was arrested and he was arrested, she couldn't even remember his name. And he's the only one that left DNA, finger prints, everything all over the crime scene. Nothing of Amanda, but still she's in the same kind of boat that he is in.

KING: What a puzzle! We'll be right back with more, don't go away.


TEA LEONI, ACTRESS: Hi, I'm Tea Leoni. As one of CNN Hero's Blue Ribbon panelists in 2007, I helped recognize the extraordinary work of every day people who are changing the world. As both a board member and goodwill ambassador for the US Fund for UNICEF, I advocate for the world's children, and work to increase awareness and funding for their needs.

I see clearly just how much the world needs heroes. Now, I am thrilled to help CNN introduce one of this year's top ten honorees.


BRAD BLAUSER, CNN HERO: Disabled children, they're really the forgotten ones in this war. I came to Iraq as a civilian contractor. There were a lot of children that either dragged themselves on the ground or they had to be carried.

There were so many people willing to reach out and touch the lives of these kids.

My name is Brad Blauser. I bring pediatric wheelchairs to Iraqi children in need. People donate on my website. The wheelchairs are brought over. I distribute them to the different military units, and help get these children into the wheelchair.

There is no paycheck. It's not really safe here, but I made a difference in the lives of these families.

Definitely, the sacrifice has been worth it.


KING: I interviewed him. What a great story! Have the Knox's ever considered the possibility -- possibility that their daughter could be guilty? Back after this.


KING: Edda Mellas and Curt Knox remain, the parents of a Amanda Knox. Joining us in New York, John Q Kelly, former prosecutor and famed civil litigator, frequent guest on LARRY KING LIVE. It's good to see him. It has been a while. What are your thoughts on this case John?

JOHN Q. KELLY, FMR. PROSECUTOR: My thoughts, Larry, it's probably the most egregious, international railroading of two innocent young people that I have ever seen. This is actually a public lynching based on rank speculation, and vindictiveness. It's just a nightmare what these parents are going through and what these young adults are going through also.

KING: You don't know John, do you?

MELLAS: No, no.

KING: What do you make of it John? Why would they do this? If they already convicted someone, why go after Amanda and this other guy?

KELLY: Well, as I said, it's almost because Amanda showed too much stoicism after the death of her roommate, who she barely knew. These were two girls living together less than eight weeks.

And, you know, Larry, you've always seen this in these murder cases and things like the husband didn't cry enough, or they weren't upset enough when the children went missing. This is one of these things where, I guess, under the Italian culture, she did not respond the way they wanted her to respond. And they sort of put together a case with, you know, gum and toothpicks to try to make a case against her. And it is outrageous.

KING: Edda, do you ever think she might have done it?

MELLAS: Never.

KING: Do you, Curt?

KNOX: Never.

KING: John, the court's recent decision to reject her request for an independent review, does that help or hurt on appeal, if she's found guilty?

KELLY: Well, first of all, I certainly hope she's not found guilty. It would help her appeal, because it would show she was deprived of something that could have been very significantly helpful to her. She lost her own forensic expert, who, I think, left the team in May or so.

So -- but I mean, there's no forensic evidence. There's no physical evidence. There's no motive. There's no opportunity. There's no confession. There's no substantive evidence whatsoever against Amanda.

KING: Well, who has the state presented as witnesses?

KELLY: I think the only forensic evidence they had was a small portion of Amanda's DNA on the handle of a knife in Raffaele's apartment, where she was all the time. And it's not even consistent with the murder weapon that was used. The murder weapon was a three and a half inch knife. This is a six and a half inch knife that had a minute portion of Amanda's DNA on it, and inconclusive tests that on the tip of it there was some of Meredith's blood.

And it's just -- it wouldn't even hold up before a grand jury, and now we're trying to send these young people away for life.

KING: Now, John, you're a former prosecutor. Normally, prosecutors stick together, so we appreciate your standing up here. What is your knowledge of Italian courts? Are the juries generally open and fair?

KELLY: The problem with this is the jury's made up of six lay people and two judges. The jurors are not sequestered, and there are these huge lapses in the trial. Like right now, we have a month and a half now between this and closing statements where the jurors are home, watching the news, being inundated with whatever spin the local media wants to put on it. Obviously, they're not favorable, certainly, towards Amanda. They love showing the shot you're showing there that shows some sort of indifference. What I think it shows is some sort of compassion and care between them, and that they're upset about what happened to Meredith.

But, you know, the case is being tried in the public. There is nothing that's substantive that links into the crime, but it's just sort of -- it's almost like gotcha time. The Italians and this prosecutor want to get Amanda regardless of her guilt or innocence.

KING: Do you think that is because she is stoic? Is that the kind of person she is?

MELLAS: You know, she's very much a person who internalizes. She was extremely upset, and her roommate testified that when she found out it was Meredith that was killed, she was very upset. She cried. She did all of that. But by the time those photos were taken, it was hours later, and she was being comforted by Raffaele.

And those that know her, you could see the shock in her face. She was just devastated.

KING: Do you know the boy?

KNOX: Yeah, I have met him over there a few times.

KING: They're no longer boyfriend and girlfriend, right?


KING: But they're still together, and they're still --


KNOX: They're still friends, but they're being tried together.

KING: We'll be back with more. Judy Bachrach, the contributing editor of "Vanity Fair," has written about this case, who's lived in Italy, she'll join us. Don't go away.


KING: News cameras are not allowed in the courtroom during some of the testimony. So what you're seeing was shot off a TV screen. It explains the less than perfect quality that we're used to showing you.

Joining us is Judy Bachrach, contributing editor at "Vanity Fair." She's in Washington, written about this case for the magazine. She's lived in Italy, was back there less than three months ago. What's your read, Judy?

JUDY BACHRACH, CONTRIBUTING EDITOR, "VANITY FAIR": Well, there are two Italys, which nobody seems to really understand who lives in this country. And one is the Italy of the privileged and government officials, and for instance, of Silvio Berlusconi, who runs the country. And he tries to have laws passed that allow him immunity in the event he's charge with corruption.

And then there's the Italy that tries the ordinary person. And the ordinary person is considered guilty until proven innocent. Italy's laws are direct descendants of the Inquisition. And therefore, Amanda, who is, after all, an American and a foreigner, and somebody to be suspicious of, is going to have the book thrown at her.

Nobody's going to believe her. She's going to be kept, as she indeed was, in isolation, grilled for 14 hours at a time, slapped around by the cops. And whatever comes out of those so-called interviews is going to be taken as gospel.

KING: You think, therefore, she's going to be found guilty?

BACHRACH: I think that in Italy, there's something called "brutta figura," which literally means you show a bad faith to the world. If they don't convict her, if she's found innocent after two years of being in jail for a crime she didn't commit, then Italy looks like it has a very corrupt judicial system.

It has a "brutta figura," which it really does. It has a very corrupt judicial system, and they will show an ugly face to the universe. And that's the last thing they want. And that is something that Edda and Curt have to be aware of, that this is a country that looks at an ugly face as the worst thing that can possibly happen to Italy. Not convicting a girl of something she didn't do, but of looking bad in the eyes of the universe.

KING: But don't they love Americans in Italy, Judy?

BACHRACH: They love some Americans. I have to say, in this instance, they don't love Amanda. Perugia's a very small town. It is very -- in -- in a sense, it's very close-minded. It is not Rome. It is not Paris. And it looks at Amanda in a different way than, say, she'd be looked at if she was living in Sydney or New York City.

They're very provincial. The prosecutor is famously incompetent and very right wing. He does not like her; he did not like her style of life. And she is being judged on that rather than anything she may or may not have done to that poor British girl.

KING: John, what would a -- what would -- what --

BACHRACH: -- of evidence.

KING: I -- I gather you're as strong as John on this. John, what would an appeal be like?

JOHN: Well, ironically, both sides could appeal. I mean, Amanda can be acquitted --

KING: Really?

JOHN: She could leave the country, and then, on appeal, they could convict her and seek to extradite her back to Italy, after an appeals court -- KING: Whoa.

JOHN: -- would convict her. And there's -- there's such a level of vindictiveness here, I could see that almost happening.

KING: Edda and Curt, you guys feel --

BACHRACH: I can -- I can see it happening --

KING: Hold -- hold on a second, Judy. Hold it Judy.

KING: Edda and Curt, you must feel very apprehensive.

MELLAS: It's scary.

KNOX: It is. It's one where we have to believe that what they're hearing in court -- and it's so clear that she had nothing to do with it -- then they'll come out with the right answer. I mean, that's -- that's what we have to believe.

KING: When are you going over there?

MELLAS: We're leaving just as the -- as the closing arguments go and the verdict. So the end of November.

KNOX: Yes.

MELLAS: Yes, there's always somebody over there. My brother's there right now. My husband's going next week.

KING: Thank you very, very much. Thanks for coming. We wish you the best. Thank you Judy Bachrach and John Q Kelly, as always, thank you.

BACHRACH: My pleasure.

Monday, October 12, 2009

Profilo di DNA a basso numero di copie (parte I)

By Mark Waterbury

Amanda Knox, il canarino nella miniera del DNA a basso numero di copie

Si chiama DNA a basso numero di copie (LCN DNA) e può diventare un eccezionale strumento anticrimine o un agghiacciante attacco alla nostra libertà. È la tecnica utilizzata per sostenere che il coltello ritrovato nel cassetto della cucina di Raffaele Sollecito presentava tracce del DNA di Meredith Kercher sulla lama. Se venisse utilizzata per condannare Amanda Knox per omicidio, Amanda diventerebbe il classico “canarino nella miniera”, perché dirigerebbe l'attenzione su una minaccia potenzialmente molto grave alle nostre libertà civili.

Abbiamo tutti sentito parlare delle miracolose possibilità offerte dall'analisi del DNA per identificare criminali e non a partire da tracce di sangue o frammenti di pelle. Ci è stato assicurato che le probabilità di errore sono “miliardi e miliardi” a uno, per dirla con Carl Sagan. Ma questa svolta tecnica cambia radicalmente la prospettiva, e non certo per migliorarla.

La tradizionale analisi del DNA viene eseguita su un campione microscopico, ma comunque di dimensioni adeguate, nell'ordine di 1 nanogrammo (1 miliardesimo di grammo). Tale quantità garantisce materiale a sufficienza per consentire un'associazione fisica con le prove rilevate sulla scena del crimine: una macchia di sangue, una ciocca di capelli, un mozzicone di sigaretta. Da queste tracce viene estratto un campione, di cui si individua il profilo. Poiché il materiale raccolto viene conservato, è possibile estrarre un secondo campione ed effettuare una seconda analisi o consegnarlo alla difesa per uno studio comparativo. L'esperimento è riproducibile perché c'è materiale a sufficienza per eseguire l'analisi più di una volta.

“L'interpretazione dei profili di DNA viene eseguita per mezzo di sistemi non particolarmente sensibili. Si tratta di un punto cruciale perché spesso gli esperti devono associare la presenza di una macchia di sangue (o altro elemento probatorio) al profilo di DNA stesso.” Peter Gill, servizio scientifico forense in Gran Bretagna. L'articolo completo è pubblicato sul sito:

Per replicare il DNA, si utilizza un metodo chiamato reazione a catena della polimerasi (PCR). Questa reazione suddivide il DNA in due parti, aggiunge coppie di basi complementari alle due metà e consente di ottenere due catene di DNA al posto della singola catena iniziale. Ripetendo il processo, se ne ricavano 4, 8, 16, 32... 268 milioni (2^28) di copie. Teoricamente, ogni ciclo PCR genera il doppio della copie iniziali, quindi dopo N cicli di replicazione si dovrebbero avere 2^N copie di DNA.

Il materiale viene spezzettato, selezionato e distribuito con un metodo detto elettroforesi. Le particelle di DNA vengono immerse in materiale gelatinoso e iniziano a muoversi a varie velocità a seconda della loro lunghezza. Lo schema di riferimento delle diverse lunghezze viene analizzato statisticamente e confrontato con il DNA di varie persone. Se viene rilevata una corrispondenza, si ritiene di aver riconosciuto il DNA.

È un ragionamento piuttosto lineare. La validità dell'analisi tradizionale del profilo di DNA è supportata da un sostanzioso numero di esperimenti scientifici e dal fatto che è possibile ottenere risultati riproducibili. Tali risultati si sono rivelati a più riprese estremamente utili, sia per identificare i colpevoli sia per scagionare gli innocenti. Ma l'analisi LCN DNA è un discorso a parte.

Rispetto all'analisi tradizionale del DNA, il profilo di DNA a basso numero di copie prevede un aumento delle fasi di replicazione, per far sì che anche con un campione minimo si possa generare una quantità di materiale sufficiente per l'elettroforesi. Ogni passaggio aggiunto quasi raddoppia il numero di catene di DNA, ma allo stesso tempo fa aumentare esponenzialmente la probabilità che si verifichino errori durante il processo di replicazione. Il problema diventa particolarmente evidente se il campione iniziale è di dimensioni molto ridotte.
La variazione statistica riconducibile all'esiguo numero di modelli iniziali ha molta importanza. Con analisi del profilo LCN DNA si intende in genere un test eseguito con una quantità minima di materiale iniziale (circa 100 picogrammi) o un'individuazione del profilo con risultati che non raggiungono i normali limiti stocastici della tecnica. “Stocastico” significa che è ammesso un fattore di probabilità, motivo per cui il sistema non può essere considerato deterministico. Ci si deve confrontare con un rumore casuale di notevole entità. Di conseguenza, ripetere gli stessi test LCN DNA su campioni iniziali identici di materiale non permette di individuare profili pressoché identici, come accade invece con la tradizionale analisi sul DNA.

I test eseguiti dalla biologa Stefanoni sul DNA rilevato sul coltello possono essere classificati come analisi LCN DNA in base a entrambe le nostre definizioni. La quantità di materiale iniziale era ben al di sotto dei 100 picogrammi e i risultati del test effettuato sono al di sotto dei limiti stocastici. Nei risultati, sono state osservate le stesse fluttuazioni casuali che caratterizzano l'analisi LCN DNA, perché il numero di modelli iniziali era molto ridotto. Non sono però stati utilizzati cicli PCR aggiuntivi per aumentare la quantità di campione presente. Verranno fornite ulteriori informazioni e commentate eventuali discrepanze nella seconda parte di questo studio, che si prefigge di dimostrare la netta inferiorità delle tecniche utilizzate rispetto alla tecnica LCN emergente.

La tecnica utilizzata dalla Stefanoni presenta un altro problema che l'accomuna al metodo LCN. Se la dimensione del campione è molto ridotta, dopo il processo di replicazione e analisi, non rimane traccia di materiale per ripetere l'esperimento. Non è possibile riprodurre il procedimento. In ambito scientifico, l'irriproducibilità di un risultato è a priori un fattore sospetto perché non consente conferme. Al riguardo, esiste persino una nota pubblicazione scientifica a sfondo ironico, il Journal of Irreproducible Results (
L’analisi del profilo LCN DNA può essere considerata una tecnica non riproducibile per due distinti motivi. Innanzitutto, il campione è troppo piccolo per eseguire immediatamente un’analisi tradizionale e viene consumato e distrutto durante l'esecuzione del test LCN. E ovviamente, assenza di campione equivale a dire riproducibilità impossibile. In secondo luogo, i risultati ottenuti presentano questo forte carattere di variabilità casuale. Se si esegue un’analisi del profilo LCN DNA su dieci campioni identici, è possibile che si ottengano dieci profili diversi dove la differenza è dettata dall’amplificazione di coincidenze statistiche.

Oltre al problema della riproducibilità, è importante sottolineare che l’analisi LCN DNA è una tecnica estremamente recente e questo dovrebbe indurre alla prudenza. Nei loro articoli, molti esperti del settore mettono in guardia contro il rischio di accettare la tecnica su larga scala senza approfondire la materia ed eseguire ulteriori test. L’analisi tradizionale del profilo del DNA è stata verificata rigorosamente, provata grazie a esperimenti riproducibili svolti in vari laboratori e confermata da test di controllo messi a punto appositamente. Per l’analisi del profilo LCN DNA, non esiste ancora una serie di test controllati a cui affidarsi. Il metodo è ancora troppo recente, particolare e inaffidabile per essere utilizzato con tranquillità; richiede un dovuto approfondimento.

Chiediamoci cosa significa tutto questo dal punto di vista delle libertà civili. Vogliamo forse vivere in un mondo in cui chiunque può essere accusato di qualsiasi crimine, sempre, ovunque, sulla base di un’inoppugnabile prova “scientifica”? La prova sarà incontestabile perché una volta eseguita la prima analisi non rimarrà alcuna traccia del campione. Sarà possibile prelevare un campione da un oggetto trovato in una scena del crimine, eseguire un’analisi del profilo LCN DNA e presentarla in tribunale senza rischi di smentita. Sarà la loro parola contro la nostra e loro potranno comunque vantare la presenza di una presunta “prova scientifica” a loro favore. È l’anticamera di uno stato di polizia.

Quali saranno le conseguenze per Amanda Knox e Raffaele Sollecito? L’analisi del profilo del DNA che è stato raccolto sulla lama del coltello ritrovato nel cassetto della cucina di Raffaele, e che pare corrispondere a quello di Meredith Kercher, è stata eseguita con una versione del test LCN DNA con sensibilità inferiore. Il test non potrà mai essere riprodotto. Il pericolo “qualsiasi crimine, sempre, ovunque” messo in luce nel paragrafo precedente non è solo una lontana ipotesi, ma sta realmente minacciando la vita di Amanda e Raffaele. Si tratta di un tipo di prova che porta a un’unica conclusione: “l’imputato è colpevole perché lo diciamo noi”. E nel nostro caso la situazione è forse ancora peggiore. Questa affermazione non verificabile è sostenuta da tutta una serie di grafici e statistiche ad effetto e dalle due parole magiche: “scienza” e “DNA”. C’è tutta l’apparenza di una prova scientifica certa, ma ben poca sostanza. Non stiamo parlando di scienza e si tratta di un metodo assolutamente non affidabile.

Vorrei sottolineare il fatto che non c’è niente di particolarmente “italiano” in questa nuova e spaventosa tecnica investigativa. La maggior parte degli studi preliminari è stata svolta in Inghilterra e ora le conoscenze vengono approfondite nei laboratori forensi di tutto il mondo. Basterà aspettare qualche tempo e l’analisi LCN DNA arriverà anche nel laboratorio forense della vostra giurisdizione. Come possiamo avere la certezza che non si abuserà grossolanamente di questa tecnica per incarcerare molte persone innocenti e non solo queste due? Non è possibile.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sul DNA. Per leggere la pubblicazione completa e più dettagliata, è possibile visitare il sito:
“Poiché l’analisi LCN è per sua natura non riproducibile, non può essere considerata affidabile al pari del tradizionale test sul DNA”.

“La possibilità di ottenere risultati falsi e fuorvianti da piccole quantità di DNA è ben nota e ben documentata all’interno della comunità scientifica, dove ha avuto origine questa tecnologia”.

La seconda parte di questo studio, “Attenti a non starnutire, gli esperti di DNA sono in agguato” affronterà uno dei principali problemi legati all’analisi LCN DNA, la contaminazione.
Mark C. Waterbury è l’autore degli articoli di questo sito, che si occupano degli aspetti tecnologici del processo contro Amanda Knox e Raffaele Sollecito a Perugia.

Specializzato in scienza dei materiali, laureato in chimica e con più di 20 anni di esperienza, ha lavorato come ricercatore per la U.S. Air Force e come ingegnere e responsabile tecnologico per importanti aziende. Ha messo a punto varie tecniche di misurazione scientifica con revisione paritaria, ha registrato diversi brevetti e si è cimentato per anni su argomenti quali contaminazione e dati al limite del rilevamento. Ha lavorato per la NASA, il MIT e vari laboratori a livello nazionale su tutta una serie di progetti e ha curato revisioni tecnologiche per alcune delle aziende più importanti del mondo, prendendo in esame le opinioni di scienziati e ingegneri per separare il grano dal loglio.

“Nel corso della mia lunga carriera non mi sono mai imbattuto in una metodologia così profondamente e intrinsecamente viziata come quella adottata dalla Polizia Scientifica per questo caso. Ho quindi deciso di scrivere questi articoli, nel tentativo di mettere in luce una pericolosa negligenza scientifica. La mia speranza è che in questo modo le persone intravedano la verità e si possa fare giustizia in questo caso e ridare la libertà ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito”.
Mark C. Waterbury
28 agosto 2009

DNA a basso numero di copie (parte II). Attenti a non starnutire (o La scienza del DNA si dà all’improvvisazione)

By Mark Waterbury

Questo sito web non è in alcun modo legato alle famiglie degli accusati, alla difesa o ad altri gruppi associati. Si tratta di un saggio scientifico redatto da esperti.

Quando è in gioco la vita e la libertà di un essere umano, ci si augura sempre che i professionisti facciano bene il loro lavoro. E invece c’è un lato oscuro nelle analisi tecniche svolte dalla dott.ssa Patrizia Stefanoni della Polizia Scientifica. Era in gioco la libertà di Amanda e Raffaele e la dott.ssa Stefanoni ha deciso di improvvisare. Ha creato un metodo man mano che procedeva nelle ricerche. Ha inventato l’improvvisazione scientifica. Da qualsiasi punto di vista le si osservi, le sue tecniche paiono in contrasto sia con la metodologia scientifica tradizionale che con il comune buon senso.

Alcune delle principali perplessità legate all’uso del profilo di DNA a basso numero di copie (qui per comodità abbreviato in “LCN”) sono state descritte nella prima parte di questo articolo. Ora vorrei porvi una domanda: A quale conclusione si può giungere confrontando il test eseguito dalla Stefanoni sul DNA rinvenuto sulla lama del coltello da cucina e le tecniche per individuare il profilo di DNA a basso numero di copie?

Per farla breve, il suo test è ancora meno attendibile.

Vi riporto il resoconto sul lavoro della biologa Stefanoni che Frank Sfarzo ha pubblicato sul suo blog dedicato al caso di Perugia, consultabile all’indirizzo

“Ma la sostanza a disposizione era veramente esigua e se l’avesse utilizzata per rilevare la presenza di sangue non ne sarebbe rimasta abbastanza per individuare anche il DNA. Allora deve aver pensato: “O la va o la spacca” e ha estratto il 20% del materiale per eseguire l’analisi del sangue. Esito: negativo.

Il test è fallito, ma la dott.ssa Stefanoni non si è persa d’animo. Ha preso tutto quello che rimaneva, circa 20 microlitri, l’ha essiccato ottenendone 10 e ha eseguito il test del DNA. Anche questa volta, nulla. Ma la dott.ssa non si è arresa e ha iniziato ad amplificare il materiale finché non sono comparsi i primi picchi. Lo strumento non poteva andare oltre, ma qualcosa era venuto fuori, quindi bisognava isolarlo. La zelante biologa ha rotto gli indugi e ha continuato nel processo di amplificazione, finché, nella giungla intricata di picchi del rumore di fondo, sono comparsi alcuni alleli. Ha stabilito personalmente quali erano “stutter”, falsi positivi e alleli reali, et voilà! Ecco il profilo genetico di Meredith Kercher servito su un piatto d’argento a Renato Biondo, che ha provveduto a inoltrarlo tempestivamente a chi l’aveva assoldato, il pubblico ministero.

“Vi sono due comuni definizioni del profilo di DNA a basso numero di copie. La prima recita che il profilo che non raggiunge i normali limiti stocastici può essere considerato DNA a basso numero di copie. Ciò significa che quando il rumore casuale diventa notevole a causa delle ridotte dimensioni del campione, si può parlare di LCN DNA, non di DNA standard. La seconda definizione sceglie come criterio una soglia quantitativa: se si hanno a disposizione meno di 200 picogrammi di DNA, ad esempio, si può eseguire solo un’analisi LCN DNA. L’elemento critico nel nostro caso è il numero di molecole del modello originale presente nel campione, che non supera le 5-10 unità, ed è quindi veramente esiguo.

L’analisi del profilo eseguita dalla dott.ssa Stefanoni sul DNA rilevato sul coltello da cucina a casa di Raffaele si adatta a entrambe queste definizioni. La quantità di DNA estratta era talmente ridotta che lo strumento di analisi non ha individuato nulla finché la biologa non ha superato i limiti fissati. Il processo di amplificazione non è stato eseguito con la tecnica della reazione a catena della polimerasi (PCR). Poiché il campione era già stato sminuzzato e sottoposto a elettroforesi, non è stato possibile ricorrere alla PCR. L’amplificazione è stata ottenuta con altri metodi, come l’abbassamento del livello della soglia o la modifica della scala di visualizzazione per far comparire i minuscoli picchi di fluorescenza.

E questo rende il test eseguito dalla dott.ssa Stefanoni ancora peggiore dei vari metodi sperimentati per eseguire le normali analisi LCN. In genere, in questo tipo di analisi, il tecnico è ben consapevole del fatto che il campione è di dimensioni ridotte e piuttosto inconsistente, quindi prende tutte le precauzioni necessarie e utilizza un numero maggiore di passaggi di moltiplicazione PCR, solitamente 34 invece di 28, ottenendo un numero di molecole 2^6 (64) volte superiore per l’elettroforesi e l’osservazione della fluorescenza.

Tuttavia, è importante ricordare che i principali problemi dell’analisi LCN sono legati ai primi cicli di replicazione, quando le molecole sono poco numerose e qualsiasi differenza nel processo di replicazione rappresenta un artefatto significativo. È proprio quello che è accaduto con il DNA presente sul coltello da cucina, quindi abbiamo un valido esempio di quello che può succedere. Nel nostro caso, non solo sono stati introdotti questi artefatti, ma altri artefatti ancora, legati all’elevata amplificazione del debole segnale di fluorescenza, hanno aumentato il rumore del segnale che andava smaterializzandosi. E questo è uno dei difetti dell’analisi.

Vi è poi un secondo dubbio legato a questo cambiamento in corso d’opera della metodologia sperimentale. Poiché la dott.ssa Stefanoni non aveva preventivato di eseguire un’analisi del profilo LCN, ma pensava di attenersi all’analisi tradizionale, non ha apparentemente rispettato nessuno dei severi protocolli applicati negli altri laboratori che sperimentano l’analisi LCN. Le linee guida in vigore impongono tutti gli sforzi possibili per evitare contaminazione, consentire test di controllo, conservare una parte del campione per test successivi, eseguire test su due campioni per operare un confronto e regolare le fasi di elaborazione.

E anche se rispettano tutti i punti di questi rigidi protocolli, i profili LCN non vengono ammessi come prova dalla maggior parte dei tribunali del mondo. Ma osserviamo nel dettaglio queste fantomatiche procedure che dovrebbero rendere i test LCN riproducibili e affidabili. Metteremo così in luce tutte le mancanze della tecnica di improvvisazione scientifica della Stefanoni.

Le citazioni riportate provengono tutte dal Crown Prosecution Service del Regno Unito (indirizzo web "" che sostiene l’uso dell’analisi LCN.

“Il test FSS LCN deve essere eseguito in un laboratorio perfettamente pulito ed è quindi molto più costoso e meno diffuso rispetto al test standard. Questo laboratorio dedicato è lontano da altre unità di analisi del DNA, richiede il rispetto di severi requisiti di ingresso ed è dotato di sistemi di aerazione a pressione positiva, illuminazione adeguata e dispositivi chimici in grado di ridurre al minimo la contaminazione del DNA.

La procedura della dott.ssa Stefanoni, in netto contrasto con queste linee guida, è stata eseguita in un normale laboratorio di analisi del DNA, nelle vicinanze di altre unità. Un laboratorio perfettamente pulito, sistemi di aerazione a pressione positiva e sterilizzazione foto-chimica del DNA sono requisiti imprescindibili per evitare la contaminazione dei campioni. Per il suo test, la dott.ssa Stefanoni non si è curata di nessuno di questi fattori. Possiamo quindi individuare altre quattro mancanze della tecnica utilizzata.

“Nel test LCN, ogni campione viene suddiviso in tre parti o aliquote, due delle quali vengono analizzate. La terza viene conservata per ulteriori test, nel caso si verifichi un errore o si voglia una conferma della presenza di una mescolanza. Solo i componenti del DNA osservati due volte vengono inclusi nel calcolo, per garantire la riproducibilità del risultato.”

La dott.ssa Stefanoni ha utilizzato il 20% del campione per l’analisi del sangue, che ha dato un risultato negativo. Qualsiasi cosa ci fosse su quel coltello, non si trattava del sangue di Meredith. Successivamente, ha analizzato tutto il materiale restante insieme, cancellando qualsiasi possibilità di confrontare due risultati e di conservare materiale per test futuri. Secondo gli standard Crown Prosecution Service, i risultati ottenuti dalla Stefanoni dovrebbero essere respinti in base a entrambi i criteri. Aggiungiamo quindi altre due mancanze.

E ancora non è tutto. I laboratori che eseguono le analisi LCN si affidano a quelli che vengono chiamati “controlli negativi”. La citazione seguente è tratta dalla pubblicazione di The Law Society of Scotland, all’indirizzo: ""

“Nella scienza forense l’obiettivo è stabilire che il profilo del DNA deriva dal materiale recuperato su una scena del crimine o da un sospetto, non da un investigatore, laboratorio, imballaggio o strumento di analisi. Un “controllo negativo” viene eseguito semplicemente analizzando un campione “vuoto”, privo di DNA. Imprevisti a parte, questo controllo dovrebbe evidenziare l’assenza di DNA. La presenza di DNA in un “controllo negativo” indica che il metodo di analisi ha consentito l’introduzione di una contaminazione. In se stesso, non spiega come è avvenuta questa contaminazione, ma solo che ha avuto luogo. Nel corso degli anni, la linea seguita, per ovvi motivi, è stata che il risultato del “controllo negativo” poteva invalidare l’analisi.

Anche in una procedura di analisi estremamente controllata, un numero significativo di controlli presumibilmente negativi dà un risultato positivo, indicando la presenza di DNA.”

La dott.ssa Stefanoni non ha apparentemente eseguito alcun “controllo negativo” con gli stessi parametri di sistema utilizzati per l’analisi del DNA sul coltello da cucina. Ecco un’altra mancanza.

E ribadiamo il concetto “In se stesso, non spiega come è avvenuta questa contaminazione, ma solo che ha avuto luogo”. Quando Sara Gino è stata messa alle strette, durante il controinterrogatorio, per sapere dove e come la dott.ssa Stefanoni avesse contaminato i campioni, non ha fornito una risposta esauriente, ma si è limitata a citare “la letteratura”. È una risposta davvero poco convincente. Ma come poteva sapere a che punto della fase di manipolazione o elaborazione aveva avuto luogo la contaminazione di 50 picogrammi di materiale? Si tratta di qualcosa per cui si esegue un test di presenza, non qualcosa che si può veder succedere. Anche se qualcuno avesse osservato il campione con un microscopio in tempo reale, sarebbe stato virtualmente impossibile rilevare l’involontario trasferimento di una quantità così ridotta di materiale. “La letteratura”, che riporta un elenco delle fonti più comuni di contaminazione da evitare, era in fondo la risposta più corretta.

Questi “controlli negativi” non rintracciano tutte le fonti di contaminazione, ma si concentrano sulla contaminazione che ha origine in laboratorio. Se il coltello da cucina fosse stato contaminato prima di essere stato scelto a caso dal cassetto di Raffaele, questo tipo di controllo non l’avrebbe rilevato. Lo stesso se il coltello fosse stato contaminato durante il prelevamento, il trasporto o in qualsiasi altro momento. Per evidenziare questo tipo di contaminazione si dovrebbero eseguire ulteriori “controlli negativi”, ad esempio su altri coltelli nel cassetto o su altre fonti, sottoposte alla stessa manipolazione del coltello. Niente di tutto ciò è stato fatto. E questa è un’altra, importantissima mancanza.

Possiamo dunque affermare che, sotto almeno nove punti di vista, l’analisi improvvisata del profilo LCN DNA della dott.ssa Stefanoni è stata una scelta persino peggiore dei soliti, incerti e inammissibili test LCN DNA.

1. L’amplificazione del DNA non è stata sufficiente; la debole fluorescenza è stata semplicemente gonfiata.
2. Il luogo in cui è stato eseguito il test non era a una distanza sufficiente dalle altre unità di analisi del DNA per impedire la contaminazione.
3. Non sono state utilizzate procedure di ingresso specializzate per l’analisi LCN per evitare la contaminazione.
4. Non è stato assicurato un ambiente con pressione positiva per impedire la contaminazione.
5. Non sono state utilizzate procedure di sterilizzazione speciali per l’analisi LCN per distruggere il DNA alterato.
6. Tutto il campione è stato utilizzato per un unico test; non è stato quindi possibile eseguire un test di confronto.
7. Non è stato conservato alcun campione per riferimento futuro. Il test non potrà mai essere riprodotto.
8. Non sono stati eseguiti test di “controllo negativo” per verificare un’avvenuta contaminazione.
9. Non sono stati eseguiti test di controllo per verificare la contaminazione sul campo.

Potrebbero essere stati commessi errori in questa analisi. A differenza della dott.ssa Stefanoni, che ha dichiarato che nel suo laboratorio non è mai avvenuta alcuna contaminazione, io commetto errori. Potrebbero essersi verificati sei diversi problemi, se non una decina. Non possiamo conoscere i dettagli sulla manipolazione dei campioni nel laboratorio di Patrizia Stefanoni. E la difesa e la corte sono alle prese con gli stessi dubbi, come ha sottolineato il giudice Massei quando ha invitato la Stefanoni a fornire ulteriori informazioni al riguardo. In effetti, se si pensa alle discrepanze tra quello che si sostiene sia successo e quello che si vede succedere nei video che documentano la raccolta dei campioni, è chiaro che nemmeno la dott.ssa Stefanoni sa esattamente cosa sia accaduto durante la raccolta, il trasporto, la conservazione e la successiva analisi dei campioni di questo caso.

Ci sono forse un paio di situazioni in cui avrebbe dovuto saper cosa fare e invece qualcosa è andato storto. Un guanto non cambiato, come indica la piega nello stesso identico punto anche dopo che lei sostiene di averlo sostituito per prendere un altro campione. Un campione toccato da più di una persona, un altro trasportato in una confezione non sterile. Un campione recuperato e poi caduto per terra, accidentalmente o forse no, dopo che era rimasto su quello stesso pavimento per 47 giorni dopo il crimine.

Ma, soprattutto, in un ambito dove la sensibilità è portata alle estreme conseguenze, ambito limite e quasi etereo in cui i picogrammi hanno il potere di tutto decidere, è semplicemente impossibile che le normali procedure di manipolazione garantiscano di non contaminare i risultati. Sono molto più alte le probabilità che il DNA rilevato sulla lama del coltello da cucina sia stato contaminato, rispetto a quelle che possa rappresentare un campione valido da utilizzare in tribunale.

Un ringraziamento particolare al dott. K, amico e biologo molecolare, che ha riletto questi articoli.

Mark C. Waterbury è l’autore degli articoli di questo sito, che si occupano degli aspetti tecnologici del processo contro Amanda Knox e Raffaele Sollecito a Perugia.

Specializzato in scienza dei materiali, laureato in chimica e con più di 20 anni di esperienza, ha lavorato come ricercatore per la U.S. Air Force e come ingegnere e responsabile tecnologico per importanti aziende. Ha messo a punto varie tecniche di misurazione scientifica con revisione paritaria, ha registrato diversi brevetti e si è cimentato per anni su argomenti quali contaminazione e dati al limite del rilevamento. Ha lavorato per la NASA, il MIT e vari laboratori a livello nazionale su tutta una serie di progetti e ha curato revisioni tecnologiche per alcune delle aziende più importanti del mondo, prendendo in esame le opinioni di scienziati e ingegneri per separare il grano dal loglio.

“Nel corso della mia lunga carriera non mi sono mai imbattuto in una metodologia così profondamente e intrinsecamente viziata come quella adottata dalla Polizia Scientifica per questo caso. Ho quindi deciso di scrivere questi articoli, nel tentativo di mettere in luce una pericolosa negligenza scientifica. La mia speranza è che in questo modo le persone intravedano la verità e si possa fare giustizia in questo caso e ridare la libertà ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito”.

Mark C. Waterbury
28 agosto 2009